Attività edilizia libera

Il Decreto Legislativo 25 novembre 2016, n. 222, ha introdotto numerose modifiche al Testo Unico dell’Edilizia (D.P.R. n. 380 del 2001). Fra le novità più importanti spicca la sostituzione in toto dell’articolo 6 riguardante “attività di edilizia libera” e l’introduzione di un nuovo articolo 6-bis riguardante “interventi subordinati a comunicazione di inizio lavori asseverata”.

La novità più importante è che gli interventi previsti dall’articolo 6, che prima erano assoggettati a preventiva comunicazione al Comune, ora possono essere realizzati senza dover comunicare nulla al Comune con la sola eccezione delle opere cosiddette “temporanee” per le quali è necessaria una comunicazione preventiva al Comune. La normativa è opportuna in quanto, trattandosi di attività che, per legge, devono essere rimosse entro un termine massimo di 90 giorni, è dovuta una comunicazione al Comune circa il tipo di attività edilizia da intraprendere e la temporaneità prevista (dal… al…..massimo 90 giorni).

Gli interventi previsti dall’articolo 6 (che possono essere eseguiti senza alcun titolo edilizio) sono i seguenti: a) gli interventi di manutenzione ordinaria; a-bis) gli interventi di installazione delle pompe di calore aria-aria di potenza termica utile nominale inferiore a 12 Kw; b) gli interventi volti all’eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell’edificio; c) le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico, ad esclusione di attività di ricerca di idrocarburi, e che siano eseguite in aree esterne al centro edificato; d) i movimenti di terra strettamente pertinenti all’esercizio dell’attività agricola e le pratiche agro-silvo-pastorali, compresi gli interventi su impianti idraulici agrari; e) le serre mobili stagionali, sprovviste di strutture in muratura, funzionali allo svolgimento dell’attività agricola; e-bis) le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni, previa comunicazione di avvio lavori all'amministrazione comunale; e-ter) le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, anche per aree di sosta, che siano contenute entro l'indice di permeabilità, ove stabilito dallo strumento urbanistico comunale, ivi compresa la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta delle acque, locali tombati; e-quater) i pannelli solari, fotovoltaici, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuori delle zone A (nuclei di antica formazione); e-quinquies) le aree ludiche senza fini di lucro e gli elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici; ai sensi dell'art. 17 del decreto legislativo n. 128 del 2006 «L'installazione dei depositi di gas di petrolio liquefatti di capacità complessiva non superiore a 13 mc è considerata, ai fini urbanistici ed edilizi, attività edilizia libera, come disciplinata dall'art. 6 del d.P.R. n. 380 del 2001».

Naturalmente gli interventi predetti devono rispettare le prescrizioni del PGT e di tutte la altre normative aventi incidenza sulla disciplina edilizia, in particolare, delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie, di quelle relative all’efficienza energetica, di tutela dal rischio idrogeologico, nonché delle disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio.

L’articolo 6, novellato dal d.lgs. 222/2016, prevede che la Regione disciplinerà con propria legge le modalità di effettuazione dei controlli.

Adempimenti

Alla luce di quando detto sopra, per le attività di cui all’articolo 6 del DPR n. 380 del 2001, non serve fare alcuna comunicazione al Comune, ad eccezione delle attività temporanee per le quali è disponibile il modello unico regionale alla voce “DOCUMENTI COLLEGATI”. 

Costi

Nessuno.

Tempi

Nessuno.

Settore di riferimento

Area Tecnica

Responsabile

Maria Vittoria Tisi

Ufficio di riferimento

SUE (Sportello Unico Edilizia)

Responsabile ufficio

Maria Vittoria Tisi

Sede

Piazza C. Battisti 1 25025 MANERBIO

Livello di informatizzazione

Inoltro richiesta. Possibile avviare on-line la procedura che porta all'erogazione del servizio

Livello di informatizzazione futura

Inoltro richiesta. Possibile avviare on-line la procedura che porta all'erogazione del servizio

Tempi di attivazione del servizio online

Il servizio è attivo

Accedi al servizio on line

Data di aggiornamento scheda

25/07/2017

Risultati delle indagini di customer satisfaction

Dal giugno 2010 la Provincia sta monitorando il grado di soddisfazione manifestato dagli utenti circa i servizi offerti, al fine di migliorare gli stessi. I dati riferiti agli ultimi 12 mesi sono consultabili cliccando sul link "consulta le statistiche degli ultimi 12 mesi" all'interno del box che si trova in fondo a questa pagina dedicato all’iniziativa "Mettiamoci la faccia" promossa dal Dipartimento della Funzione Pubblica.

Mettiamoci la faccia

esprimi il tuo giudizio sul servizio
premendo uno dei simboli colorati

indica il motivo principale della tua insoddisfazione premendo su uno dei pulsanti

Grazie per il tuo voto. Arrivederci.

Hai già votato per questo servizio. Arrivederci.
Consulta le statistiche degli ultimi 12 mesi