Comunicazione di deposito sismico

La Giunta Regionale ha approvato il 30 marzo 2016 - D.G.R. n. X/5001 le linee di indirizzo e coordinamento per l’esercizio delle funzioni trasferite ai comuni in materia sismica, ai sensi degli artt. 3, comma 1, e 13, comma 1, della l.r. 33/2015.

La nuova zonazione sismica e la l.r. 33/2015 sono entrambe efficaci dal 10 aprile 2016.

In particolare, la l.r. n. 33/2015 aggiorna la normativa sulle costruzioni in zona sismica adeguandola al D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 (Testo Unico in materia Edilizia).

Le nuove norme si applicano ai lavori di cui all'art. 93, comma 1, del D.P.R. 380/2001 (‘’costruzioni, riparazioni e sopraelevazioni’’), relativi a opere pubbliche o private localizzate nelle zone dichiarate sismiche, comprese le varianti influenti sulla struttura che introducano modifiche tali da rendere l'opera stessa, in tutto o in parte, strutturalmente diversa dall'originale o che siano in grado di incidere sul comportamento sismico complessivo della stessa.

Le novità immediate introdotte dalla l.r.n. 33/2015 e dalla D.G.R. 5001/2016 sono:

  • trasferimento ai comuni delle competenze in materia di opere o costruzioni e vigilanza in zone sismiche, per le opere ricadenti sul loro territorio;
  • per i comuni in zona sismica 2 (alta sismicità): obbligo dell’autorizzazione preventiva all'avvio dei lavori;
  • per i comuni in zona 3 e 4 (sismicità bassa e molto bassa): obbligo del deposito della documentazione relativa al progetto prima dell’avvio dei lavori;
  • attività di controllo sistematico degli interventi relativi a opere o edifici pubblici o, in genere, edifici destinati a servizi pubblici essenziali, ovvero progetti relativi ad opere comunque di particolare rilevanza sociale o destinate allo svolgimento di attività, che possono risultare, in caso di evento sismico, pericolose per la collettività;
  • attività di controllo su tutti gli altri tipi di edifici in tutte le zone sismiche.

Nei comuni in cui è cambiata la zona sismica, si richiama l’attenzione sull’obbligo di attenersi a quanto prescritto dall’art. 12 della l.r. 33/2015, in attuazione dell’art. 104 del D.P.R. 380/2001, in base al quale, tutti coloro che abbiano iniziato e non ancora ultimato una costruzione, sono tenuti a farne denuncia entro il 26 aprile 2016 allo sportello unico dell’edilizia del proprio comune.

Per ulteriori chiarimenti: vigilanzasismica@regione.lombardia.it

Le istanze dovranno essere presentate compilando la modulistica on-line, attraverso l'utilizzo del sistema informativo integrato per la sismica, attualmente disponibile sulla piattaforma M.U.T.A., all'indirizzo: www.muta.servizirl.it, previa autenticazione e profilazione da parte dell'utenza. Saranno rifiutate sia le istanze cartacee inviate al protocollo generale del Comune di Manerbio, sia le istanze inviate attraverso la Posta Elettronica Certificata.
Per esigenze collegate all’istruttoria, è richiesta una copia cartacea della pratica accompagnata da una dichiarazione del professionista che attesti la corrispondenza degli elaborati cartacei con quelli depositati in modalità telematica, da consegnare direttamente allo sportello unico dell’edilizia.

Per ulteriori approfondimenti puoi vedere il sito di Regione Lombardia - Sezione Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione

Settore di riferimento

Area Tecnica

Responsabile

Maria Vittoria Tisi

Ufficio di riferimento

SUE (Sportello Unico Edilizia)

Responsabile ufficio

Maria Vittoria Tisi

Sede

Piazza C. Battisti 1 25025 MANERBIO

Livello di informatizzazione

Esecuzione transazione. Possibile eseguire on-line l'intero procedimento che porta all'erogazione del servizio, compresi eventuali pagamenti, notifiche e consegne

Tempi di attivazione del servizio online

Il servizio risulta già attivo

Allegati

Deposito sismico – Modulo 2

Note: Scarica l'allegato

Accedi al servizio on line

Data di aggiornamento scheda

28/10/2016