Ecologia, ambiente e servizi cimiteriali

Servizi e attività di competenza

ALLEVAMENTI ZOOTECNICI INTENSIVI Quando un imprenditore agricolo intende costruire, ampliare, ristrutturare o riconvertire un impianto d'allevamento - che può riguardare diverse tipologie d'animali: bovini, avicoli, suini, ovini, vitelli di carne bianca, ecc. - presenta al Comune la richiesta di una concessione edilizia accompagnata dal P.U.A., il Piano di Utilizzazione Agronomica, che documenta le caratteristiche, la localizzazione dell'impianto, i terreni sui quali può spandere i reflui zootecnici, la tipologia e quantità degli animali, le strutture per lo stoccaggio dei reflui. Il "Regolamento Locale d'Igiene", il documento che contiene le norme di riferimento per applicare quanto sopraddetto, recepisce i dettami della legge regionale 37/1993 e i suoi regolamenti attuativi, e va a completare modificare (secondo le caratteristiche, i bisogni, le criticità, il carico ambientale sul territorio comunale) il regolamento di base emesso dall'A.S.L. di Brescia. Il Comune, insieme all'A.S.L., analizza se il P.U.A. presentato rispetta le disposizioni del "Regolamento Locale d'Igiene" e di altre leggi, principalmente la L.R. 37/90 e, se trovato conforme, lo approva per poi emettere la relativa concessione edilizia. Gli impianti di allevamento aziendali, per legge, non pagano i contributi di concessione edilizia e non sono soggetti al versamento annuale dell'I.C.I. (Imposta Comunale sugli Immobili). AMBIENTE ED INQUINAMENTO Come proteggere e convivere al meglio con l'ambiente che ci circonda? In queste sezioni gli approfondimenti e le informazioni utili per l'aria, l'acqua e il rumore. L'ARIA Per "inquinamento atmosferico" si intende, ai sensi della vigente legislazione nazionale, "ogni modificazione della composizione o stato fisico dell’aria dovuta alla presenza nella stessa di una o più sostanze in quantità e con caratteristiche tali da alterare le normali condizioni ambientali e di salubrità dell’aria, da costituire pericolo per la salute dell’uomo, da compromettere le attività ricreative e da alterare le risorse biologiche e gli ecosistemi ed i beni materiali pubblici e privati". Come salvaguardare l'aria La collaborazione del cittadino si può concretizzare così: 1) controllo del buon funzionamento della caldaia per il riscaldamento, delle dimensioni e dell'efficienza della canna fumaria e di altri apparecchi per la combustione; 2) bruciatori, caldaie e tecnologie di nuova concezione che tengono conto in definitiva di norme e soluzioni tese a diminuire l’inquinamento; 3) depurazioni dei fumi prodotti dalla combustione; 4) miglioramento dell’efficienza. Per i processi industriali diversi dalla combustione l'abbattimento delle emissioni in atmosfera può essere ottenuto modificando i processi stessi agendo a valle con interventi di depurazione; per quanto riguarda l'inquinamento urbano, l’abbattimento delle emissioni gassose e particelle da autoveicoli si persegue con interventi di tecnologia motoristica, con l’introduzione di marmitte catalitiche, benzina a basso tenore o senza zolfo, l’uso di carburanti alternativi alla benzina (metano, GPL), con il controllo periodico dei gas di scarico degli autoveicoli e con l’adozione di misure e correttivi tendenti a ridurre il numero di automezzi in circolazione. L'ACQUA La crescita demografica ed i nuovi modelli di sviluppo hanno determinato un forte incremento dei fabbisogni idrici e al tempo stesso un peggioramento della qualità delle risorse idriche. L'inquinamento delle acque sotterranee, sfruttate per l’alimentazione dei nostri acquedotti, è solamente meno evidente di quello delle acque di superficie, ma certamente non meno dannoso. I principali fattori inquinanti sono da ricercarsi nell’uso agricolo di pesticidi, diserbanti o dallo scarico delle deiezioni animali; dalle emissioni incontrollate del settore industriale e dallo scarico delle acque di fognature urbane; da avvenimenti casuali quali il ribaltamento di una autocisterna o la rottura di un serbatoio industriale nonché da cause naturali, quale l'intorbidimento dovuto alle piene dei corsi d'acqua. Il costante controllo delle autorità preposte è quindi indispensabile, come indispensabili sono la raccolta ed il trattamento opportuno delle acque reflue urbane, prima del loro allontanamento e smaltimento. Tale processo, teso alla conservazione degli ambienti naturali e alla tutela igienico-sanitaria delle popolazioni, avviene tramite processi chimico-fisici (sedimentazione, dissabbiatura, grigliatura e disoleatura) e processi biologici simili a quelli che avvengono in natura (con uso di alghe, batteri, protozoi e metazoi). Come salvaguardare la qualità dell'acqua Ogni cittadino può contribuire alla diminuzione dell’inquinamento idrico osservando opportune norme comportamentali: - utilizzare detersivi privi di fosfati; - non gettare negli scarichi fognari vernici, solventi, olio e sostanze tossiche; - ottimizzare l’utilizzo delle lavatrici e lavastoviglie riducendo opportunamente la quantità media di detersivo utilizzato. La disponibilità L’acqua disponibile sulla terra per uso potabile è lo 0,06% di quella complessiva. Basterebbe questo dato per decidere, da subito, di risparmiare acqua con un uso razionale anche nelle mille azioni quotidiane, riducendo i consumi per attività e/o utilizzi che non richiedono acqua potabile. In particolare, si ricorda che nel periodo estivo (giugno-settembre) sussiste il divieto assoluto di utilizzo dell'acqua potabile per l’ irrigazione di giardini e orti nella fascia oraria compresa tra le 08.00 e 22.00. Informazioni riguardanti l'analisi delle acque potabili (www.aslbrescia.it) » IL RUMORE Una componente inquinante troppo spesso sottovalutata è rappresentata dal rumore, che produce appunto inquinamento acustico. Questo fenomeno si accompagna alle attività umane, causando effetti indesiderati e provocando in taluni casi gravi scompensi nell’organismo umano, non solo nei confronti dell’apparato uditivo ma anche del sistema nervoso. Tali effetti vanno dalle interferenze sul rendimento nell’apprendimento e nel lavoro, alle alterazioni del ritmo del sonno, fino all'insorgere di malattie di organi innervati dal sistema neurovegetativo. Oltre i 160 decibel si assiste alla rottura del timpano. Il rispetto di norme comportamentali dettate dal buon senso prima ancora che dalla vigente legislazione È indispensabile per contribuire alla diminuzione dell'inquinamento acustico. Ecco le principali: - spegnere l'automobile in caso di sosta prolungata e in ogni caso in cui la sosta superi il minuto; - sottoporre a regolari controlli il tubo di scappamento dei propri veicoli a motore; - evitare schiamazzi e rumori molesti all’uscita dei locali notturni; - eseguire attività lavorative in orari compatibili con le norme sulla quiete pubblica; - adottare le misure di prevenzione di legge nel caso la propria attività produca elevati livelli di rumore.

Responsabile ufficio

Maria Vittoria Tisi

Telefono

030 9387277

Email

ecologia@comune.manerbio.bs.it

Orari

  • Lunedì 8.30 - 13.00 14.30 - 15.30
  • Martedì 8.30 - 13.00 14.30 - 15.30
  • Mercoledì 8.30 - 13.00 14.30 - 15.30
  • Giovedì 8.30 - 13.00 14.30 - 15.30
  • Venerdì 8.30 - 13.00
  • Sabato chiuso

Mappa

Piazza C. Battisti 1
25025 MANERBIO, BS

PERSONALE

COGNOME NOME EMAIL TELEFONO
Bosetti Alessandro
Carlotti Nerina Maria Teresa n.carlotti@comune.manerbio.bs.it 0309387271